Qualcosa su di me

La mia foto
Napoli, Napoli, Italy
Mi chiamo Andrea Costa e sono nato il 17 aprile 1991 a Napoli. Ho deciso di aprire questo spaces, per condividere i libri che leggo, magari commentarli anche. Vorrei tanti lettori, in modo da far da poter scambiare opinioni e migliorare dal punto di vista intellettuale.

Lettori fissi

09/11/08

Storia del premio Nobel per la letterartura





Premi Nobel per la letteratura...

Qui sotto sono elencati gli anni e i vincitori dei premi nobel per la letteratura...
Non per discriminare gli altri ma in questo contesto sono futili.
Questo approfondimento lo dovrò aggiornare ogni 10 dicembre di ogni anno.
Quindi adesso non si sa ufficialmente chi è il vincitore del premio nobel per la letteratura del 2009
Appena scopro chi è lo aggiorno ma adesso non ne sono al corrente...

1901 - 1909


  • 1901 - Sully Prudhomme (in riconoscimento della sua composizione poetica, che dà prova di un alto idealismo, perfezione artistica ed una rara combinazione di qualità tra cuore ed intelletto)
  • 1902 - Christian Matthias Theodor Mommsen (al più grande maestro vivente della scrittura storica, con speciale riferimento al suo maggior lavoro, Storia di Roma)
  • 1903 - Bjornstjerne Martinus Bjornson (un tributo alla sua nobile, magnifica e versatile poeticità, con la quale si è sempre distinto per la chiarezza della sua ispirazione e la rara purezza del suo spirito)
  • 1904 - José Echegaray y Eizaguirre (in riconoscimento delle numerose e brillanti composizioni che, in maniera individuale ed originale, hanno fatto rivivere la grande tradizione del dramma spagnolo), Frédéric Mistral (in riconoscimento della chiara originalità e della vera ispirazione della sua produzione poetica, che splendidamente riflette gli scenari naturali e lo spirito nativo del suo popolo, e, in aggiunta, al suo importante lavoro come filologo provenzale)
  • 1905 - Henryk Sienkiewicz (per i suoi notevoli meriti come scrittore epico)
  • 1906 - Giosuè Carducci (non solo in riconoscimento dei suoi profondi insegnamenti e ricerche critiche, ma su tutto un tributo all'energia creativa, alla purezza dello stile ed alla forza lirica che caratterizza il suo capolavoro di poetica)
  • 1907 - Rudyard Kipling (in considerazione del potere dell'osservazione, dell'originalità dell'immaginazione, la forza delle idee ed il notevole talento per la narrazione che caratterizzano le creazioni di questo autore famoso nel mondo)
  • 1908 - Rudolf Christoph Eucken (in riconoscimento della sua seria ricerca della verità, il suo potere di penetrare il pensiero, la sua enorme capacità di visione, il calore e la forza delle sue opere con le quali ha trasmesso una filosofia idealistica della vita)
  • 1909 - Selma Lagerlöf (per l'elevato idealismo, la vivida immaginazione e la percezione spirituale che caratterizzano le sue opere)

1910 - 1919


  • 1910 - Paul Johann Ludwig Heyse (un tributo alla consumata capacità artistica, permeata dall'idealismo, che egli ha dimostrato durante la sua lunga carriera produttiva come poeta lirico, drammaturgo, novellista e scrittore di storie brevi famose nel mondo)
  • 1911 - Maurice Polidore Marie Bernhard Maeterlinck (per le sue molte attività letterarie, specialmente per la sua opera drammatica, che si distinguono per la ricchezza d'immaginazione e la poetica fantastica, che rivela, a volte sotto forma di favola, una profonda ispirazione, mentre in un modo misterioso si rivolge ai sentimenti propri del lettore e ne stimola l'immaginazione)
  • 1912 - Gerhart Johann Robert Hauptmann (in riconoscimento della sua fertile, varia ed eccelsa produzione nella sfera dell'arte drammatica)
  • 1913 - Rabindranath Tagore (per la profonda sensibilità, per la freschezza e bellezza dei versi che, con consumata capacità, riesce a rendere nella sua poeticità, espressa attraverso il suo linguaggio inglese, parte della letteratura dell'ovest)
  • 1914 - non è stato assegnato
  • 1915 - Romain Rolland (un tributo all'elevato idealismo della sua produzione letteraria, alla comprensione ed all'amore per la verità con le quali ha descritto i diversi tipi di esistenza umana)
  • 1916 - Carl Gustaf Verner von Heidenstam (in riconoscimento della sua importanza come esponente rappresentativo di un nuovo tempo nella nostra letteratura)
  • 1917 - Karl Adolph Gjellerup (per la sua varia e ricca poeticità, ispirata da elevati ideali), Henrik Pontoppidan (per le sue reali descrizioni della vita moderna in Danimarca)
  • 1918 - non è stato assegnato
  • 1919 - Carl Friedrich Georg Spitteler (in riconoscimento al suo poema epico, Olympischer Frühling)

1920 - 1929


  • 1920 - Knut Pedersen Hamsun (per il suo monumentale lavoro. Il risveglio della Terra)
  • 1921 - Anatole France (in riconoscimento della sua brillante realizzazione letteraria, caratterizzata da nobiltà di stile, profonda comprensione umana, grazia, e vero temperamento gallico)
  • 1922 - Jacinto Benavente (per il felice metodo col quale ha proseguito la tradizione illustre del dramma spagnolo)
  • 1923 - William Butler Yeats (per la sua poetica sempre ispirata, che con alta forma artistica ha dato espressione allo spirito di un'intera nazione)
  • 1924 - Władysław Stanisław Reymont (per il suo grande romanzo epico, I contadini)
  • 1925 - George Bernard Shaw (per il suo lavoro intriso di idealismo ed umanità, la cui satira stimolante è spesso infusa di una poetica di singolare bellezza)
  • 1926 - Grazia Deledda (per la sua ispirazione idealistica, scritta con raffigurazioni di plastica chiarezza della vita della sua isola nativa, con profonda comprensione degli umani problemi)
  • 1927 - Henri Bergson (in riconoscimento delle sue ricche e animate idee e della brillante capacità con la quale ha saputo esprimerle)
  • 1928 - Sigrid Undset (principalmente per la sua imponente descrizione della vita nordica durante il medioevo)
  • 1929 - Thomas Mann (principalmente per il suo grande romanzo I Buddenbrook, sempre più riconosciuto come una delle grandi opere della letteratura contemporanea)

1930 - 1939



1940 - 1949



1950 - 1959



1960 - 1969



1970 - 1979


  • 1970 - Aleksandr Solženicyn (per la forza etica con la quale ha proseguito l'indispensabile tradizione della letteratura russa)
  • 1971 - Pablo Neruda
  • 1972 - Heinrich Böll
  • 1973 - Patrick White (per un'arte narrativa epica e psicologica che ha introdotto un nuovo continente nella letteratura)
  • 1974 - Eyvind Johnson, Harry Martinson rispettivamente (per un'arte narrativa, lontana da vedersi negli anni e nei paesi, al servizio della libertà) e (per una scrittura che cattura le gocce di rugiada e riflette il cosmo)
  • 1975 - Eugenio Montale (per la sua poetica distinta che, con grande sensibilità artistica, ha interpretato i valori umani sotto il simbolo di una visione della vita priva di illusioni)
  • 1976 - Saul Bellow (per la sensibilità umana e la sottile analisi della cultura contemporanea che si trovano combinati nella sua opera)
  • 1977 - Vicente Aleixandre
  • 1978 - Isaac Bashevis Singer (per la sua veemente arte narrativa che, radicata nella tradizione culturale ebraico-polacca, fa rivivere la condizione umana universale)
  • 1979 - Odysseus Elytis

1980 - 1989



1990 - 1999



2000 - 2009


  • 2000 - Gao Xingjian (per un'opera dal valore universale, intuito pungente e ingenuità linguistica che hanno aperto nuove strade al romanzo e al teatro cinese)
  • 2001 - Vidiadhar Surajprasad Naipaul
  • 2002 - Imre Kertész
  • 2003 - John Maxwell Coetzee
  • 2004 - Elfriede Jelinek (per il flusso melodico di voci e controvoci in romanzi e testi teatrali, che con estremo gusto linguistico rivelano l’assurdità dei cliché sociali e il loro potere)
  • 2005 - Harold Pinter (perché nelle sue commedie [egli] scopre il baratro che sta sotto le chiacchiere di tutti i giorni e spinge ad entrare nelle stanze chiuse dell'oppressione)
  • 2006 - Orhan Pamuk (perché nel ricercare l'anima malinconica della sua città natale, ha scoperto nuovi simboli per rappresentare scontri e legami fra diverse culture).
  • 2007 - Doris Lessing (cantrice dell'esperienza femminile, che con scetticismo, fuoco e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa)
  • 2008 - Jean-Marie Gustave Le Clézio (autore di nuove partenze, avventura poetica e estasi sensuale, esploratore di un'umanità al di là e al di sotto della civiltà regnante)
Questa pagina la dovrò aggiornare il 10 dicembre...2008


1 commento:

alessandra ha detto...

Weee ciao andreaa!!... sono alessandra... cmq se in qst giorni non mi sono fatta sentire è pkk, come ti ho anticipato prima, non sto trascorrendo molto tempo al PC... quindi ti prometto di commentare quando mi arrivano ( e se mi arrivano) le e-mail...
Un bacio!


PS... la storia del premio nobel per la letteratura... interessante!... Bravo continua kosì!... Alla prossima!